ALESSANDRA AMOROSO Special Guest della data pugliese di “NERO A METÀ”

Dopo il successo del concerto-evento dello scorso 1° settembre all’Arena di Verona, l’11 dicembre PINO DANIELE sarà in concerto al Pala Florio di Bari (Via Prezzolini – ore 21.00) con “NERO A METÀ”. Ospite della serata sarà Alessandra Amoroso.

“NERO A METÀ” è un grande spettacolo dove saranno protagoniste tutte le canzoni contenute nell’omonimo terzo album di Pino del 1980, grandi successi da “Quanno chiove“, “Alleria“, “Voglio di Più“, “Nun me scuccià” al brano che dichiara la sua passione di sempre “A me me piace ‘o blues”.

Insieme all’artista la band composta dai musicisti che parteciparono alle registrazioni dello storico album: Gigi De Rienzo (basso), Agostino Marangolo (batteria), Ernesto Vitolo (piano, tastiere ed organo) e Rosario Jermano (percussioni).

…E non solo!

“NERO A METÀ” è un identità di suono ed in questi concerti ci sarà tutta la storia musicale di Pino grazie anche alle partecipazioni straordinarie di Tullio De Piscopo alla batteria e di James Senese al sax; tra Blues, rock, jazz, sonorità acustiche e l’immancabile tradizione napoletana, sul palco anche gli amici Rino Zurzolo (contrabbasso) ed Elisabetta Serio (piano).

I biglietti per le date di “NERO A METÀ”, prodotto e organizzato da 55AVE Entertainment e F&P Group (in collaborazione con Radio Italia, la radio ufficiale del tour), sono disponibili online su www.ticketone.it, nei punti vendita e nelle prevendite abituali (per info biglietti: www.fepgroup.it).

Nero a Metà (1980) è l’album della consacrazione per Pino Daniele, simbolo di quel sound inconfondibile, diventato suo marchio di fabbrica in Italia e all’estero. Le melodie, la fusione tra tradizione partenopea, blues, rock e jazz hanno reso questo disco un pilastro della musica italiana, tanto che ancora oggi è nella classifica Rolling Stone Italia dei “100 album più belli di sempre” ed è stato premiato ai Music Awards 2014 come uno degli album che hanno lasciato un segno nella storia della musica italiana. Per celebrarlo, l’album è stato pubblicato da Universal Music Italia in una nuova edizione rimasterizzata “NERO A METÀ” Special Extended Edition, disponibile anche in doppio vinile da 180 grammi in edizione limitata e numerata in 1.000 esemplari. Il primo Lp contiene la versione rimasterizzata dell’album originale mentre il secondo Lp contiene i due preziosi brani inediti (“Tira A Carretta” e lo strumentale “Hotel Regina”) e i nove brani in versioni alternative e demo tratti dalle registrazioni originali, già contenuti nell’edizione in cd.

Quest’anno PINO DANIELE ha ricevuto il “Premio Mediterraneo Arte e Creatività 2014”, considerato tra i più importanti al mondo, per aver coniugato contaminazioni culturali e musicali, identificando nella cultura mediterranea quel mix di sound e di passione che costituiscono la base fondamentale della sua arte.

MARIO BIONDI Special Guest della prima data di “NERO A METÀ” il 6 dicembre a Conegliano (TV)

image.png

Il 6 dicembre PINO DANIELE sarà in concerto alla Zoppas Arena di Conegliano (TV – Viale dello Sport, 2 – ore 21.00) con “NERO A METÀ”.Ospite della serata sarà l’amico e collega MARIO BIONDI, con cui il cantautore napoletano ha da poco duettato anche sul palco dell’Arena di Verona durante il concerto-evento dello scorso 1° settembre.

“NERO A METÀ” è un grande spettacolo dove saranno protagoniste tutte le canzoni contenute nell’omonimo terzo album di Pino del 1980, grandi successi da “Quanno chiove“, “Alleria“, “Voglio di Più“, “Nun me scuccià” al brano che dichiara la sua passione di sempre “A me me piace ‘o blues”.

Insieme all’artista la band composta dai musicisti che parteciparono alle registrazioni dello storico album: Gigi De Rienzo (basso), Agostino Marangolo (batteria), Ernesto Vitolo (piano, tastiere ed organo) e Rosario Jermano (percussioni).

…E non solo!

“NERO A METÀ” è un identità di suono ed in questi concerti ci sarà tutta la storia musicale di Pino grazie anche alle partecipazioni straordinarie di Tullio De Piscopo alla batteria e di James Senese al sax; tra Blues, rock, jazz, sonorità acustiche e l’immancabile tradizione napoletana, sul palco anche gli amici Rino Zurzolo (contrabbasso) ed Elisabetta Serio (piano).

I biglietti per le date di “NERO A METÀ”, prodotto e organizzato da 55AVE Entertainment e F&P Group (in collaborazione con Radio Italia, la radio ufficiale del tour), sono disponibili online su www.ticketone.it, nei punti vendita e nelle prevendite abituali (per info biglietti: www.fepgroup.it). La data di Conegliano di “NERO A METÀ” è organizzata da AMC EVENTI E COMUNICAZIONE e ENTERPRISE 8.

Nero a Metà (1980) è l’album della consacrazione per Pino Daniele, simbolo di quel sound inconfondibile, diventato suo marchio di fabbrica in Italia e all’estero. Le melodie, la fusione tra tradizione partenopea, blues, rock e jazz hanno reso questo disco un pilastro della musica italiana, tanto che ancora oggi è nella classifica Rolling Stone Italia dei “100 album più belli di sempre” ed è stato premiato ai Music Awards 2014 come uno degli album che hanno lasciato un segno nella storia della musica italiana. Per celebrarlo, l’album è stato pubblicato da Universal Music Italiain una nuova edizione rimasterizzata “NERO A METÀ” Special Extended Edition, disponibile anche in doppio vinile da 180 grammi in edizione limitata e numerata in 1.000 esemplari. Il primo Lp contiene la versione rimasterizzata dell’album originale mentre il secondo Lp contiene i due preziosi brani inediti (“Tira A Carretta” e lo strumentale “Hotel Regina”) e i nove brani in versioni alternative e demo tratti dalle registrazioni originali, già contenuti nell’edizione in cd.

Quest’anno PINO DANIELE ha ricevuto il “Premio Mediterraneo Arte e Creatività 2014”, considerato tra i più importanti al mondo, per aver coniugato contaminazioni culturali e musicali, identificando nella cultura mediterranea quel mix di sound e di passione che costituiscono la base fondamentale della sua arte.

Pino Daniele: «L’Italia è un caos, ci vorranno 50 anni per riprenderci»

         12 novembre 2014

La nuova tappa di Conegliano del suo “Nero a Metà tour” «Torno al 1980, ma non è nostalgia. Questione d’identità»

 

Non è nostalgia, a sentire lui. «È un andare a cercarsi». Come fare una visita al te più giovane. «Questione d’identità», spiega Pino Daniele. «Molti musicisti raggiungono il passato, si riuniscono dopo essersi sciolti. Sa qual è la verità? Nessuno riesce a rinunciare al suono. Chi nasce musico, morirà musico. Fosse l’ultima cosa da fare».

Scomodiamo Pino per il piacere di ascoltarlo, e questo è naturale, e per un suo inatteso avvicinamento al Friuli. Una tappa del Nero a Metà tour finirà a Conegliano, il 6 dicembre. Volevamo dirvelo, è una novità.

Il progetto, almeno per chi ama il Daniele (grande) dell’altro secolo, è un recupero di sonorità uniche, rimaste laggiù, ma destinate comunque a viaggiare. Oggi basta un clic da qualche parte e ritrovi il mondo che cerchi. Sarà un palco zeppo di gente uscita dagli anni Ottanta: Tullio De Piscopo e James Senese. Eh, mica due qualunque. Magari bravi, ma qualunque. No, usciti e rientrati nella storia, loro. Buon per noi.

«Non è stato particolarmente strano puntare la sveglia ventiquattro anni indietro – racconta – sono comunque pezzi che suono sempre. Ai concerti è naturale sfogliare l’album, succede anche quando me ne sto a casa. Ogni tanto impugno la chitarra… So guardare avanti, anzi, non farlo sarebbe una decisa frenata, uno stare fermo. Non possiamo permettercelo».

Così, facendo due conti, il mestiere assicura longevità, a meno di brusche cadute anzitempo. Non sono pochi i geni bruciati da alcol e droga. Tenendo i diavoli distanti, però, la passione allunga la vita. «I Rolling Stones hanno settant’anni e sembrano ragazzini. Una citazione soltanto per non divagare, ma di esempi ce ne sarebbero eccome. Confidiamo nella cabala, dài».

Torniamo a Nero a Metà. Disco da avere. Vi manca? Ahia. Provvedere subito. Lato A: I say i’ sto ccà, Musica musica, Quanno chiove, Puozze passà nu guaio, Voglio di più, Appocundria. Lato B: A me me piace ’o blues, E so cuntento ’e sta’, Nun me scoccià, Alleria, A testa in giù, Sotto ’o sole. Un prodotto con posizione granitica al 17 posto tra i cento mitici secondo i gusti della rivista Rolling Stone. Fu il terzo sfornato, dopo Terra mia, 1977, e Pino Daniele, 1978. Vogliamo dimenticarci dei due che seguirono Nero a Metà? Vai mò e Bella m’briana.

Facciamo un salto immaginario a Napoli. Qual è il racconto di oggi, Pino? «È una città complicata, come lo sono le grandi metropoli del terzo millennio inchiodate da un flusso irrefrenabile di razze. Dobbiamo imparare a convivere. Io mi sento un figlio d’Annibale, in fondo. Anche voi del Nord Est, però, con i confini liberi… un viavai intenso». Ognuno ha i suoi agili passaggi, l’importante è poi saper gestire al meglio la situazione.

«Guardi, ci vorranno cinquant’anni, se bastano, per riprenderci. È un gran casino questo Paese». Vogliamo aggiungere al marasma purtroppo attivo la piaga delle mafie? «Partiamo dal concetto che non sono invincibili, lo dice Saviano. Pensiamo di vincere la battaglia, altrimenti la perdi sul serio. Il guaio è: la criminalità organizzata si è talmente mescolata alle istituzioni che è difficile riconoscerla».

 

 

di Gian Paolo Polesini

Pino Daniele in tour: «Voglia del mio passato»

Pino Daniele ospite a “Il Messaggero”

Pino non ci pensa, non vuole pensarci proprio, ma i sessant’anni, un’età che sembra appartenere ormai a tutto il cantautorato nazionale, stanno per arrivare anche per lui. L’appuntamento è per il 19 marzo prossimo: «Ma non farò feste pubbliche, questo è sicuro», proclama. Poi ci scherza su: «Si, sono in scia alla carriera dei Pooh. Loro sono davanti di dieci anni io sono dietro».

Personaggio schivo, Pino Daniele non ha mai amato la luce abbagliante dei riflettori e tanto meno oggi, in una fase della sua vita in cui si è sganciato definitivamente dal ruolo di idolo nazionalpopolare della nostra pop music (e lo è stato, fra i primi a riempire gli stadi in epoca in cui non era consuetudine).
E, per segnare ulteriormente questo suo distacco dal cerimoniale pubblico, eccolo tuffarsi all’indietro recuperando un gioiello della sua carriera, quel Nero a metà (terzo album della sua discografia) dove c’è buona parte della sua estetica musicale con pezzi miliari come A me me piace ‘o blues. «L’ho fatto per l’esigenza di ritornare a una sonorità che avevo cercato negli anni 70 e 80, quando ogni artista aveva un’identità sonora, non come oggi dove tutto si è massificato», ci racconta facendo visita al Messaggero. E, con quel sound, Pino ritrova anche gli amici (mai perduti) di un tempo da James Senese a Agostino Marangolo, a Tullio De Piscopo a Gigi De Rienzo.
Pino, ma è un ritorno al passato puro e semplice?
«Più che un recupero di quegli anni è la voglia di ritrovare quel clima. Erano tempi in cui c’era l’opportunità di fare musica. E oggi questa possibilità manca clamorosamente. E poi c’è la voglia di far conoscere quel l’atmosfera a quelli che non hanno mai visto i nostri concerti allora».
Pino, nel frattempo, bolle in pentola l’idea anche di un disco di canzoni nuove?
«Si, sto lavorando a un nuovo album. Che, come al solito, sarà ricerca attorno alla musica etnica».
Non sente la voglia di scrivere nuovi pezzi che possano sfondare, come è successo in passato con canzoni, per esempio scritte in italiano, come “Io per lei” o “Che male c’è”?
“Non ci penso proprio. Anzi, la regola è non pensare a quello che scrivi, non mettersi a tavolino a dire adesso compongo una bella canzone. Musica e parole devono essere una cosa istintiva, devono uscire naturalmente. Per me suonare è come mangiare. E non posso farne a meno».
Quanto può stare senza suonare?
«Ma puoi stare più di due giorni senza mangiare? Suonare fa parte di me. E’ un modo di vivere, una disciplina, è il mio modo di comunicare con gli altri».
Pare di capire che, come sta succedendo da tempo nei concerti, anche nel prossimo disco ci sarà molto spazio per gli strumenti.
«L’improvvisazione è un momento magico della musica, specie oggi dove tutto è catalogato e tutto è scontato».
E’ un eredità della sua passione per la musica nera e per il jazz?
«Non c’è dubbio, le radici sono lì».
Anche quelle dei chitarristi che sono stati i suoi riferimenti?
«Sono tanti. Da Eric Clapton col suo modo di suonare blues, allo stile spagnolo di Paco De Lucia, al jazz di John McLaughlin. Il jazz, il suono latino, e quello mediterraneo sono il mio pane».
E la canzone napoletana?
«Sono grandi melodie, non è detto che un giorno non possa fare un disco di un certo tipo di quelle canzoni».
Sta dicendo che ci ha pensato?
«Sì, ho pensato magari di fare un album solo strumentale. A casa ogni tanto me le suono quelle canzoni e mi fa piacere, fanno parte della mia vita. Certo ci sono le cose fatte da Roberto Murolo che è difficile eguagliare».
Con Nero a metà Pino ha debuttato quest’estate a Verona, in una serata speciale. Ora riprende quel concerto con una serie di date invernali. La prima è a Conegliano, il 6 dicembre, poi Bari, Roma (il 13 al Palalottomatica), Napoli (16 e 17), Milano il 22.
«Sarà un concerto denso, una parte acustica e una elettrica e oltre a Nero a metà racconterò anche altri momenti della mia carriera», anticipa.

di Marco Molendini

Pino Daniele presenta in diretta il tour “NERO A METÀ”

       (05 novembre 2014)

 

Oggi Pino Daniele è stato ospite di Paola “Funky” Gallo nell’Auditorium di Radio Italia e ha parlato in diretta del suo tourNero a metà”, di cui Radio Italia è radio ufficiale.

Prendendo spunto da un’imitazione del cantante fatta dal nostro Mauro Marino, l’intervista è iniziata con una domanda semiseria: “Credo che tu sia una delle voci della musica italiana più imitate, tu ti diverti?” e Pino è stato volentieri al gioco: “A volte me la faccio anche da solo l’imitazione, mi diverto”. E l’imitazione se l’è fatta per davvero, in diretta!

Entrando nel vivo dell’argomento tour, invece, Paola ha chiesto a Pino un commento sull’ultimo live che ha tenuto all’Arena di Verona lo scorso settembre e che è stato trasmesso in diretta da Radio Italia, con ospiti come Francesco Renga, Emma, Elisa, Fiorella Mannoia e Mario Biondi: “E’ stato un bel concerto. Non ricordo altri cantanti in lingua (dico in lingua perché io ho cantato in napoletano) all’Arena di Verona. Io ho iniziato la mia carriera proprio lì e ci tenevo a fare questo concerto con una panoramica di tutto quello che ho fatto, oltre ai brani dell’album ‘Nero a metà’. Il risultato ci è piaciuto e abbiamo deciso di ripetere”. Infatti dal concerto è nato un tour che partirà ufficialmente l’11 dicembre al Pala Florio di Bari, dopo la data Zero del 6 dicembre a Conegliano (TV), e proseguirà il 13 al Palalottomatica di Roma, il 16 e il 17 al Pala Partenope di Napoli e il 22 al Mediolanum Forum di Assago (MI): “Gli ospiti non sono ancora annunciati, ma lo scopo principale è quello di rimanere fedele al tipo di suono che ho usato in ‘Nero a metà’ e posso anticiparvi che il concerto sarà diviso in due parti: una acustica e una elettrica”. La ricercatezza nel suono è un aspetto che da sempre caratterizza la produzione di Pino Daniele: “Con il passare degli anni l’ansia di cercare un determinato suono forse si perde un po’, ma non bisogna perdere la spontaneità. I miei live sono una specie di jam session e c’è molta improvvisazione, quindi ogni concerto è diverso dall’altro”.

L’attenzione si è spostata inevitabilmente sull’argomento suono e Paola ha chiesto al cantautore se ama assistere anche a concerti solo strumentali: “Qualche volta ci vado, solo quando mi interessa veramente. Ma deve essere una cosa particolare altrimenti mi viene voglia di suonare. Una volta andai a sentire un collega e mi ha chiamato subito sul palco”. E durante la sua carriera Pino Daniele il palco l’ha condiviso con artisti internazionali di altissimo profilo, come il chitarrista Pat Metheny: “Per me è fondamentale lavorare con musicisti di un certo calibro perché con loro puoi imparare molto e confrontarti. Ogni musicista si rifà alla propria cultura e gli italiani hanno un proprio approccio: una cosa è fare un genere e un’altra cosa è farne un’imitazione. Io cerco sempre di partire da quello che è il mio background, dalla musica della mia terra, poi c’è un codice universale che è la musica stessa e che ti permette di dialogare con altri artisti. Io continuo la ricerca come musicista anche se faccio il cantante”. A questo proposito, Pino Daniele ha ricordato insieme a Paola le sue svariate collaborazioni con altri artisti italiani: “Ho prodotto un disco di Giorgia bellissimo di cui sono molto fiero, ho scritto un pezzo per Fiorella Mannoia, ho cantato con Irene Grandi e con J Ax. Ho collaborato con molti cantanti italiani perché non mi do limiti”.

Come in tutte le dirette di Radio Italia, i fan hanno interagito con Pino Daniele da casa attraverso i social network e gli sms. Il primo commento che è saltato all’occhio è in napoletano verace: “Si Gruoss!” e il cantautore ironizza: “Pensavo proprio questa cosa mentre suonavo con Eric Clapton”. Un ascoltatore ha scritto di apprezzare molto le canzoni di Pino e gli ha chiesto se ne ha già pensate di nuove: “Sto scrivendo delle canzoni e quando sarò pronto farò un nuovo lavoro. Non posso dare anticipazioni perché non so nemmeno io cosa ci sarà nell’album. Io non penso a nulla, io suono e basta. E non penso nemmeno ai social, preferisco incontrare le persone per strada con un rapporto più umano e diretto”. Un’altra domanda da casa riguarda una possibile nuova collaborazione con Emma e il cantautore non lo esclude: “Penso proprio che ci sarà. A me fa sempre piacere incontrarla: le piace molto la mia musica, ha molta grinta e un grosso talento”.

Nel tour Nero a metà, di cui Radio Italia è radio ufficiale, Pino Daniele presenterà i brani dell’omonimo disco cult pubblicato nel 1980 e sarà accompagnato proprio da quei musicisti che hanno suonato in quell’album. Sul palco ci saranno anche il percussionista Tullio De Piscopo e il sassofonista James Senese. E’ un evento attesissimo e sarebbe quasi scontato inciderne una testimonianza in CD o DVD, ma anche su questo tema Pino va contro corrente: “Non credo uscirà un DVD, non registriamo niente. Suoniamo solo per il gusto di suonare, non ci sono scopi discografici. I concerti saranno momenti particolari e ognuno sarà diverso dall’altro. E’ un po’ come nel jazz: noi abbiamo delle canzoni e ogni sera ci improvvisiamo sopra. Questa cosa non si può decidere a tavolino, si fa solo così come viene”. L’unico modo per vedere e sentire quello che succederà sul palco è quindi andare a uno dei concerti del tour: il primo appuntamento utile è la data Zero, in programma sabato 6 dicembre alla Zoppas Arena di Conegliano.

 

 

Intervista di Paola “Funky” Gallo

Pino Daniele: «Sogno un mio festival»


«Quando c’era Bassolino, in città tanti progetti e artisti
Ora invece…»

«Mi piacerebbe realizzare un Festival del Mediterraneo, una 2 o 3 giorni di musica, da fare al porto di Napoli, dove coinvolgere artisti che rappresentino la Spagna, il Portogallo, il Nord Africa… Intanto a metà dicembre (il 16 e il 17) sarò in concerto col mio Nero a metà Tour al Palapartenope». Dove quest’anno non si farà il suo concertone con gli amici di sempre, «Tutta ‘n’ata storia Friends». Ma tutto ciò era già stato abbondantemente annunciato.

Del progetto nel porto ne ha già discusso con le istituzioni cittadine?
«Non ancora, ne ho parlato con l’ammiraglio Felice Angrisano, che guida il Comando Generale delle Capitanerie di Porto d’Italia. Lui è di Torre Annunziata, è una persona in gamba e mi ha assicurato il suo appoggio. Con il Comune e la Regine. No, quest’anno non ci ho ancora provato. Quando c’era Bassolino avevo rapporti con le istituzioni napoletane. Antonio aveva grandi idee, coinvolgeva in diversi progetti artisti napoletani che avevano dato lustro alla città. Ora…».

Quindi ora niente progetti sociali?
«Grazie anche alle istituzioni di allora, in passato ho suonato all’istituto penitenziario minorile di Nisida, e poi al carcere di Poggioreale: simili esperienze mi piacerebbe rifarle, ma da allora è più difficile rapportarsi con le nuove (istituzioni) che ho provato anche a coinvolgere per il mio progetto “Tutta ‘n’ata storia Friends”, ma senza ottenere grandi risultati».

Tentar non nuoce mai.
«Infatti. Questo non vuol dire che “Tutta ‘n’ata storia Friends” non si faccia più. Ritornerò comunque a Natale del 2015 con nuove idee. Le istituzioni? Rilancio con un nuovo invito all’amministrazione cittadina. Mi piacerebbe discutere con loro della mia idea seriale di Festival del Mediterraneo. Inteso come mare, non più cimitero d’acqua per sfortunati esuli, ma culla di civiltà. Siamo tutti figli di questo mare».

Che gli ha fatto vincere pure un premio, come simbolo del Mediterraneo.
«Sono orgoglioso di aver ricevuto il Premio Mediterraneo Arte e Creatività 2014. Il mio prossimo disco al quale mi dedicherò finito il tour, sarà incentrato proprio sulle musiche del Mediterraneo. Sul quale affacciano tanti Paesi che risentono in modo particolare della crisi. Non solo Napoli, quindi soffre del malaffare, delle infrastrutture che mancano, del traffico, delle lungaggini burocratiche, della delinquenza, delle scuole ed degli ospedali che non funzionano, della disoccupazione. Ovunque c’è crisi e tutto è fermo…».

Tornando alla due giorni di dicembre al Palapartenope, il cantautore sarà accompagnato dalla band originale del 1980, composta da James Senese, Gigi De Rienzo, Agostino Marangolo, Ernesto Vitolo, Rosario Jermano, mentre il set acustico vedrà Rino Zurzolo, Elisabetta Serio e la partecipazione di Tullio De Piscopo. Ovvero tutti i «friends».

 

di Carmine Aymone

Pino Daniele: "A sessant’anni ancora nero a metà"

Il cantautore in concerto al Palapartenope il 16 e il 17 dicembre

 

MUSICANTE senza tempo, Pino Daniele sarà in concerto il 16 e il 17 dicembre al Palapartenope nell’ambito del tour “Nero a metà”, che prende il titolo dal suo leggendario album del 1980 (biglietti da 35 a 70 euro). In scaletta soprattutto i classici dell’epoca, eseguiti dal cantautore prima con un trio acustico (Tullio De Piscopo alle percussioni, Rino Zurzolo al contrabbasso, Elisabetta Serio al piano) e poi dalla band originale di “Nero a metà” (James Senese al sax, Gigi De Rienzo al basso, Agostino Marangolo alla batteria, Ernesto Vitolo al piano e Rosario Jermano alle percussioni). Più un ospite a sorpresa. “Il primo settembre  –  racconta il cantautore  –  abbiamo fatto un concerto all’Arena di Verona: doveva essere un evento unico, ma il pubblico ha reagito con un entusiasmo incredibile, cosa che francamente non mi aspettavo. Così abbiamo deciso di partire per un tour. Volevo riportare alla luce una sonorità differente, quella dei primi anni Ottanta, in un momento in cui tutto è un po’ massificato, anche in senso musicale. Un suono a cui molti oggi fanno riferimento. Non perché la musica di ieri sia migliore di quella di oggi, ma perché allora lo spirito era diverso”.

In che senso, Daniele, lo spirito di quegli anni era diverso?
“Allora si era più concentrati più sull’abilità dei musicisti, sulla loro personalità. Quelli della mia generazione sono cresciuti così e non possono cambiare. Anche se “Nero a metà” quest’anno è stato ristampato in edizione speciale, direi che non si tratta di un’operazione meramente discografica: quanti dischi possiamo vendere, alla fine? È più importante rivalutare l’identità dei musicisti in un’epoca come questa, fatta di suoni tutti uguali, senza personalità”.

Vuol dire che un tempo i musicisti erano più amati, più rispettati anche come persone?
“Sì, pensiamo a gente come Eric Clapton o Santana, oppure a Battiato e alla Pfm, solo per fare qualche nome. Erano uno diverso dall’altro e la musica era un modo per esprimere la loro personalità “.

Non si può parlare di nostalgia?
“No, questo modo di vivere la musica ha sempre fatto parte della mia vita, non appartiene al passato. L’unica differenza è che allora avevo 25 anni e ora ne ho 60″.

Li compie a marzo. Festeggiamenti in programma?
“Soltanto privati, nessuna celebrazione, non le ho mai amate. Ma nel 2015 uscirà il mio nuovo album di inediti, ho già dei pezzi pronti”.

Da molti anni non vive a Napoli, ma non ha mai troncato i rapporti con la sua città: ne ha seguito gli ultimi eventi politici e culturali?
“Sì e no, non sono uno che ama schierarsi. Vedo però quello che succede: quando uno dà fastidio e cerca di cambiare le cose, provano a toglierlo di mezzo, magari appigliandosi a degli errori che può aver fatto in buona fede, a fin di bene”.

Allude ovviamente a de Magistris, alla sua sospensione e al suo reintegro….
“Secondo me lo stavano aspettando come si dice in fondo al vico. Ma non credo che abbia fatto cose scorrette, chissà a chi ha dato fastidio, a chi era destinata quella poltrona”.

E ha seguito le celebrazioni per il trentennale della morte di Eduardo?
“Finalmente si è tornato a parlarne, era ora. Ma forse si dovrebbe fare un’operazione diversa. Non soltanto ricordarlo ma farlo studiare nelle scuole: è sconcertante che molti giovani non lo conoscano. Il teatro è come la letteratura, va studiato, altrimenti se ne perde la memoria”.

Lei non sembra avere questo problema, viene seguito da gente di ogni età…
“La canzone è diversa, ha un’altra immediatezza. Alcune canzoni sono arte, poesia, e quelle restano. È anzi il tempo a rivelarne il valore. Altre sono legate al costume del momento e non sono destinate a durare”.

E a proposito di artisti che restano. I concerti napoletani di fine anno sono per tradizione i più seguiti, anche i più rappresentativi. Quest’anno toccano a lei, il 16 e il 17 dicembre, e a Nino D’Angelo, il 27.
Intramontabili?
“No, per carità, guai a pensare che esistiamo soltanto noi. Un altro grande della nostra generazione è Enzo Gragnaniello, un vero poeta. Poi ci sono i più giovani, Clementino, Rocco Hunt. Tutti degnissimi artisti di questa città”.

 

di Antonio Tricomi

Pino Daniele, dal premio al festival per il Mediterraneo

Minishow a sorpresa del Nero a metà al Mercadante di Napoli. Nei suoi progetti “un’operazione Mare Nostrum”

 

Perché il Mare Nostrum non è solo di sangue e disperazione, non è solo carrette della disperazione, non è solo vento di guerra. È anche cultura, suono di accoglienza e solidarietà.
Pino Daniele sale a sorpresa sul palco del teatro Mercadante, insignito di quel Premio Mediterraneo andato in passato anche a Nobel come Shirine Ebadie Naghib Mahfouz. «Non sono un grande oratore, lo sapete, così parlo come so, con la musica», spiega, poi, impugna la sua fida chitarra e – con Elisabetta Serio al pianoforte, Rino Zurzolo al contrabbasso e Mariano Barba alla batteria – cesella un breve set acustico: inizia con la delizia flamenco di «Viento ’e terra», emoziona con «Quando» e «Napule è», saluta con «Mareluna».
Poi via, di corsa nel suo buen retiro toscano, «dove ho la tranquillità per studiare flamenco e mettere in piedi i miei nuovi progetti», spiega divertito dalla toccata e fuga napoletana, del segreto conservato fino all’ultimo momento. Ha accettato l’invito dell’architetto Michele Capasso per il prestigio del riconoscimento e per la platea internazionale, ma non solo: «Ho un progetto sul Mediterraneo, vorrei organizzare un festival che dia spazio ai giovani talenti, spero nell’appoggio dell’ammiraglio Felice Angrisano perché un discorso sul mare va fatto con vista sul mare, coinvolgendo chi nel mare e per il mare lavora».
Nei camerini la banda della polizia penitenziaria gli chiede selfie e autografi: «Siamo tutti musicanti senza permesso ’e guarda’, ce lo hai insegnato tu». I concerti natalizi al Palapartenope dedicati al repertorio di «Nero a metà» lo riporteranno presto a Napoli, ma, ora che c’è, sia pure per poche ore, il lazzaro felice se la gode e fa progetti «Nonostante tutto, questa città rimane capitale culturale e non può rinunciare ad essere capitale del Mediterraneo, magari insieme con Barcellona, cuori di un mondo proiettato in un futuro sempre più multirazziale. Napoli non è più solo dei napoletani, ma è anche dei marocchini, dei singalesi, dei cinesi, dei nigeriani, delle ucraine che qui vivono, lavorano, amano, soffrono. È comprensibile che le frontiere aperte, soprattutto in momento di crisi, spaventino, è persino normale che qualche politicante senza scrupoli soffi sul vento del razzismo, successe anche quando eravamo noi italiani ad emigrare, ma nulla fermerà la società prossima ventura».
È a quella società che guarda il festival che l’uomo in blues ha in mente: «È qualcosa in sintonia con quanto ho fatto sin dall’inizio della mia carriera, devo ancora trovare la location giusta, la voglio in Italia, poi verrà il momento più bello: ascoltare musica, scegliere musica, fare musica». Mediterranean power.

 

di Federico Vacalebre

PINO DANIELE: a grande richiesta 5 date esclusive per “NERO A METÀ”

Dopo il successo del concerto-evento del 1 settembre all’Arena di Verona

A GRANDE RICHIESTA 5 DATE ESCLUSIVE PER “NERO A METÀ

11 Dicembre BARI | 13 Dicembre ROMA  | 16 e 17 Dicembre NAPOLI | 22 Dicembre MILANO

LIVE CON LA BAND ORIGINALE DEL 1980

E LA PARTECIPAZIONE DI TULLIO DE PISCOPO E DI JAMES SENESE

PIÙ UN OSPITE SPECIALE PER OGNI CONCERTO

Dopo il grande successo del concerto-evento dello scorso 1 settembre all’Arena di Verona, a grande richiesta PINO DANIELE tornerà con 5 date esclusive di “NERO A METÀ”: l’11 dicembre a BARI (Pala Florio), il 13 dicembre a ROMA (Palalottomatica), il 16 e il 17 dicembre a NAPOLI (PalaPartenope), il 22 dicembre a MILANO (Mediolanum Forum- Assago). In questi nuovi appuntamenti, che vedranno la partecipazione di un ospite speciale per ogni concerto, PINO DANIELE sarà accompagnato dalla band originale del 1980, composta da James Senese (sax), Gigi De Rienzo (basso), Agostino Marangolo (batteria), Ernesto Vitolo (piano), Rosario Jermano (percussioni),  mentre l’Acoustic Set vedrà sul palco Rino Zurzolo (contrabbasso), Elisabetta Serio (piano) e la partecipazione di Tullio De Piscopo.

Blues, rock, jazz, sonorità acustiche, e l’immancabile tradizione napoletana: questi gli ingredienti che PINO DANIELE porterà sul palco nelle 5 date di “NERO A METÀ”. Un grande spettacolo sulle note dell’omonimo storico terzo album di Pino, dove protagoniste saranno le canzoni più belle dell’artista, da “Quanno chiove”, al brano che dichiara la sua passione di sempre, “A me me piace ‘o blues”, da “I Say I’ Sto Ccà” a “Nun me scuccià”: grandi classici che all’epoca definirono un nuovo stile musicale e che ancora oggi risultano di sorprendente freschezza.

I biglietti per le date di “NERO A METÀ”, prodotto e organizzato da 55AVE Entertainment e F&P Group (in collaborazione con Radio Italia, la radio ufficiale del tour), sono disponibili online su www.ticketone.it, nei punti vendita e nelle prevendite abituali (per info biglietti: www.fepgroup.it).

Nero a Metà (1980) è l’album della consacrazione per Pino Daniele, simbolo di quel sound inconfondibile, diventato suo marchio di fabbrica in Italia e all’estero, ed è ancora oggi nella classifica Rolling Stone Italia dei “100 album più belli di sempre”. Per celebrarlo l’album è stato pubblicato da Universal Music Italia in una nuova edizione rimasterizzata “NERO A METÀ” Special Extended Edition, disponibile anche in doppio vinile da 180 grammi in edizione limitata e numerata in 1.000 esemplari. Il primo Lp conterrà la versione rimasterizzata dell’album originale mentre il secondo Lp conterrà i due preziosi brani inediti (“Tira A Carretta” e lo strumentale “Hotel Regina”) e i nove brani in versioni alternative e demo tratti dalle registrazioni originali, già contenuti nell’edizione in cd.

Milano, 13 ottobre 2014

Ufficio Stampa Pino Daniele: Parole & Dintorni (Resp. Riccardo Vitanza | Rif. Anna Pompa)

Ufficio Promozione F&P Group: Francesco Colombo – Francesco Negroni

Pino Daniele: standing ovation all’Arena di Verona

   02 settembre 2014

Il concerto evento con le canzoni di Nero a metà

La standing ovation dei diecimila spettatori dell’Arena di Verona ha salutato ieri il finale del concerto di Pino Daniele, visibilmente emozionato e soddisfatto per una serata magica. La riproposizione di Nero a metà con il gruppo originale dell’epoca, il sontuoso accompagnamento sinfonico dell’orchestra Roma Sinfonietta e i riusciti duetti con Mario Biondi, Elisa, Emma, Francesco Renga e Fiorella Mannoia sono stati gli ingredienti di un’esibizione che il Mascalzone Latino non dimenticherà facilmente.

Unico assente, tra gli ospiti previsti, è stato Massimo Ranieri, che ha cancellato all’ultimo momento la sua partecipazione per un problema personale, ma il cantattore dovrebbe recuperare in una delle prossime cinque date del concerto-evento. Chi ieri non era presente all’Arena di Verona, infatti, potrà rifarsi nel tour invernale di Nero a metà, che farà tappa l’11 dicembre a Bari, il 13 dicembre a Roma, il 16 e il 17 dicembre nella sua Napoli, per concludersi il 22 dicembre a Milano. L’evento, trasmesso in diretta su Radio Italia, si è aperto con Terra mia, resa ancora più suggestiva dall’arrangiamento sinfonico. 

Il primo duetto della serata è stato quello con Elisa, per la prima volta insieme sullo stesso palco, anche se dall’affiatamento in Quando non si direbbe. Dopo è il momento di Francesco Renga, che interpreta con Pino ed Elisa Voglio di più e solo con il cantautore napoletano Musica musica. Fiorella Mannoia, definita da Daniele “mezza napoletana”, regala grandi emozioni con Senza te e E so cuntento e sta. L’ospite più applaudita, merito anche delle sue onnipresenti fan, è stata Emma Marrone, grintosa e ironica come non mai in  Je so’ pazzo e Nun me scoccià. Mario Biondi ha già collaborato diverse volte con Pino e si sente, sia in Sotto ‘o sole che nell’iconica A me me piace o’ blues, dove il vocalist ha potuto sfruttare al meglio la sua prodigiosa voce black. Il pubblico applaude ripetutamente, anche se qualcuno avrebbe preferito qualche duetto di meno. Sulla scaletta, invece, nulla da dire, con tutti i brani di Nero a metà, riproposti dalla formazione originale del 1980: James Senese al sax, Gigi De Rienzo al basso, Agostino Marangolo alla batteria, Ernesto Vitolo al pianoforte e alle tastiere, Rosario Jermano e Tony Cercola alle percussioni. “Quando lo registrammo –ha detto Pino-non pensavamo ai soldi, alle serate, a cosa sarebbe successo dopo. Non avremmo mai immaginato un exploit così”. Senese ha cantato Puozze passà nu guaglio ed è stato simpaticamente “bersaglio” di Daniele quando,a proposito dei tanti anni passati dall’uscita dell’album, ha detto: “Tutti abbiamo oggi i capelli bianchi, tranne Senese che resta uguale”. Finale da brividi, con tutti i cantanti e i musicisti sul palco a interpretare Napule è e Yes I know my way, due inni che sembrano scritti apposta per salutare il pubblico. Il concerto di Nero a metà non è stato solo una celebrazione di un album storico, ma una grande festa in musica che, se fatta bene come in questo caso, non invecchia mai.

 

di Gabriele Antonucci

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 434 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: