Giorgia presenta ‘Stonata’: ‘Il disco che più mi somiglia’


logo_large

“Stonata”, dal punto di vista caratteriale ma anche da quello musicale. “Perché con l’età sento di diventare sempre più imprecisa sulle note”, scherza Giorgia, che scoppia a ridere quando le si chiede se per “stonata” si possa intendere anche l’aggettivo inglese “stoned”. “Ma io da sempre sono ‘stonata’”, spiega la cantante, incontrata dalla stampa a Milano in occasione della pubblicazione del suo nuovo album, “Stonata” appunto: “Sono stonata nel senso che spesso mi sento fuori luogo, anche nella vita. Ho la naturale tendenza ad ‘incasinarmi’, forse per insicurezza, forse per il timore del giudizio altrui. Ma con queste caratteristiche ho imparato a convivere, nel corso degli anni. Anzi, sono stata capace di trasformarle in un punto di forza, perché in effetti questo album è nato così, dal contatto tra me stessa e il classico ‘foglio bianco’ da riempire. Ho scritto nel mio studio, senza nessuno attorno, poi ho inviato il materiale a produttori diversi che me l’hanno restituito completamente stravolto. Avevo paura di mettere insieme in disco troppo eterogeneo, ma poi i miei collaboratori mi hanno convinta: il filo conduttore sarebbe stata la mia voce, e così è stato. E, nonostante gli alti e bassi personali che hanno costellato la lavorazione di questo album – due lutti in famiglia ma anche diverse nascite – sono estremamente fiera di ciò che ho ottenuto. Dal vivo, dimensione a me congeniale, sono solita mescolare stili ed atmosfere: così è stato anche questa volta, con la differenza che dal palco sono riuscito a traslare questa mia caratteristica in studio. Tutto bellissimo, per carità. Ma che fatica…”. Non deve essere stato rilassante, in effetti, ospitare una lunga serie di grandi nomi sul proprio disco, a cominciare dal quello di Mina… “Ancora non ci credo”, ammette Giorgia: “L’idea è stata di mio padre: ‘Mandale qualcosa, che non si sa mai…’, mi ha detto. ‘Sì, figurati’, gli ho risposto. Poi però ho deciso di ascoltarlo, per una volta, e ho seguito il suo consiglio. Massimiliano Pani mi ha ricontattato, e – dopo un lungo periodo di silenzio – mi ha rispedito la versione di ‘Poche parole’ riarrangiata e cantata da sua madre. Un’emozione unica, davvero, perché da cantante sento che Mina ha interpretato il brano come se fosse una sua composizione”. Presenza più virtuale è invece quella di Beppe Grillo, la cui voce campionata (da uno spettacolo del 2005) appare nella seconda canzone in scaletta, “Libera la mente”: “E’ una collaborazione nata nel marzo scorso, quindi in tempi non sospetti”, chiarisce subito lei: “Ci piaceva l’idea di citarlo e questa ci è sembrata la forma migliore. Poi, quando l’abbiamo contattato per informarlo e per chiedergli il permesso, ci ha detto che gli sarebbe piaciuto fare anche qualcosa di più. Ma il ‘V day’ incombeva e i tempi si sono fatti troppo stretti…”. Anche Giorgia, quindi, è da considerarsi nella sempre più nutrita schiera di cantanti “grillisti”? “Sì, perché quello di Grillo è un casino giusto, scaturito dal semplice fatto di aver esercitato un diritto garantito ad ogni cittadino. Un casino ‘sano’, diverso dal quelli ‘malati’ che affliggono la nostra politica, ormai ostaggio dell’insulto e della violenza”. Tornando ad ospiti “musicali”, sono da segnalare le presenze di Elio e di Pino Daniele: “Elio l’ho conosciuto lavorando in radio: ci siamo incrociati diverse volte, così – quando è venuto a trovarmi in studio – l’ho convinto a registrare qualcosa. Ma non volevo il ‘solito’ Elio, volevo qualcosa di diverso. Ecco allora la trovata della melodia di flauto traverso… Pino invece è il tipico musicista purosangue, di quelli che arrivano in studio con la chitarra in spalla, accendono l’amplificatore, ti chiedono gli accordi e iniziano a suonare. La parte di chitarra che gli avevamo dato come traccia è stata completamente stravolta dal suo genio e dalla sua ispirazione“.
Lecito, a questo punto, aspettarsi una promozione live coi fiocchi: “Inizieremo a gennaio nel palasport, anche se a me piacerebbe girare per i club. Alla fine, credo che opteremo per un tour ibrido. Poi mi piacerebbe tantissimo andare a suonare in acustico nelle radio: davanti ad un microfono mi sciolgo completamente fino a diventare la quintessenza della spontaneità. Certe volte anche troppo. Non come in televisione, dove tutto è così freddo e ‘meditato'”. Niente Sanremo, quindi? “No, lì ci tornerei, ma per mettermi alla prova e per vedere quante cose sono cambiate in questi ultimi anni. E poi a Pippo non si può dire di no…”. A proposito di cambiamenti, come vede Giorgia “la discografica” (titolare dell’etichetta “Dischi di cioccolata”) i cambiamenti nel mercato musicale negli ultimi dieci anni? “Una volta ero molto arrabbiata con i discografici, poi – passando dall’altra parte della barricata – ho capito diverse cose. La situazione è drammatica, inutile negarlo. Non ce l’ho con Internet, che anzi reputo un media meraviglioso, solo un po’ troppo poco regolamentato. Da una parte i discografici non sono stati lungimiranti nello studiare antidoti efficaci contro la pirateria, e dall’altro chi ci governa non ha mai realmente avuto a cuore la ‘musica’, preferendo impegni programmatici piuttosto astratti e vaghi a provvedimenti concreti e tempestivi (come l’abbassamento dell’IVA sui CD ed una legge sulla musica, che stiamo ancora aspettando)”. Una tragedia, insomma? Sì, ma senza rinunciare al sorriso, anche se per Giorgia il peggio – si presume – sia ancora di là da venire: “Se per caso dovessimo reincarnarci dopo questa vita, dubito troveremo case discografiche ed agenzie di live in futuro. Anzi, ho paura che non troveremo più neanche dischi e cantanti…”.

Advertisements

Informazioni su GiO

Studente di Informatica presso Università degli Studi di Napoli Federico II, PinoDanielomane e appassionato di Musica, grafica e di fotografia.

Pubblicato il 07/11/2007 su Collaborazioni, Musica, Notizie. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: