«Natale, il concerto torni in Vaticano»


Eugenio Bennato punta su «Quanno nascette ninno» tra Biondi, Anggun e Vanoni Il duetto Autieri-Bolton

 

L’occasione era di quelle ghiotte: ascoltare Pino Daniele e Al Di Meola adagiarsi con le loro chitarre tra le suggestioni di «Napule è» e di «Occhi che sanno parlare». Ma ci si è messa l’influenza a cancellare la firma del mascalzone latino sotto il «Concerto di Natale» che, ormai emigrato dal Vaticano, dopo l’edizione 2006 a Montecarlo, ha trovato ospitalità ieri sera nell’aristocratica cornice del teatro Filarmonico di Verona, davanti alle telecamere di Raidue che lo trasmetterà la sera del 24 dicembre. Così, tra i protagonisti della quindicesima edizione del concertone organizzata per raccogliere fondi in favore dell’opera dei salesiani in Darfur, si è trovato anche Massimo Ranieri che ha recitato l’«Inno alla vita» di madre Teresa di Calcutta e cantato «Mi troverai». «Mi sono emozionato a recitare le parole della santa dei poveri», ha raccontato l’artista, «è sorprendente la semplicità con la quale riesce a esprime concetti profondi». In scena l’orchestra dell’Arena di Verona diretta da Renato Serio mentre nei panni della conduttrice c’era Mara Venier, al suo ritorno in Rai dopo lo stop seguito alla lite tra Pappalardo e Zequila a «Domenica in». Come spesso accade in queste adunate canore delle feste, il repertorio era in bilico tra i temi religiosi, o comunque legati al Natale, e la kermesse pop. Serena Autieri si è tolta, ad esempio, lo sfizio di duettare «White Christmas» con Michael Bolton, divo post-belcantista che ha dedicato «Nessun dorma» a Pavarotti, tornando poi sul palco per cantare «Have yourself a Merry little Christmas» in quartetto con Anggun, Ornella Vanoni e Mario Biondi e poi, da solo, «When a man loves a woman». Al seguito del cantante la compagna Nicolette Sheridan, la «tentatrice» Edie Britt di «Casalinghe disperate». Nei camerini si parlava del prossimo Sanremo dove vorrebbero approdare Gerardina Trovato (che ha diviso «I’ll never fall in love again», «Feliz navidad» e «Jingle bell» con Lighea ed Helena Hellwig) e Ron («Anima» e «Canzone dell’acqua»). «Per la settima volta vengo al Concerto di Natale, e cinque erano organizate in Vaticano: quando cantavamo nella Sala Nervi c’era un’atmosfera diversa, il giorno prima dell’esibizione incontravamo il Papa, ed è un peccato che non sia più così. Io credo che abbia un senso forte fare un concerto di Natale, soprattutto in un mondo dominato da guerre ed emergenze di ogni tipo. Il Vaticano dovrebbe riprendere in mano la situazione, sarebbe bello, visto i tempi che corrono, che lanciasse il suo messaggio anche con la forza della musica». Mario Biondi, che Pippo Baudo vorrebbe convincere ma che non si dice ancora disponibile alla gara dell’Ariston, ha calato i suoi registri cavernosi in un’applauditissima «No mercy for me». Nel cast anche i Mattafix, il coreografico Virgina Gospel Choir con «Happy days», i Matia Bazar (altro nome in predicato per Sanremo), il Summertime Choir con una cover di «Jesahel» dei Delirium, Niccolò Fabi con «Milioni di giorni», l’indonesiana Anggun arrivata al Filarmonico con il figlioletto Kirana di appena un mese. Stretto tra il soprano giapponese Mika Kunii, Giovanni Allevi, il cantattore Francesco Malpena e i gemelli canadesi Ryadan, Eugenio Bennato ha intonato «Quanno nascette ninno», l’inno di Sant’Alfonso de’ Liguori, per riportare l’atmosfera natalizia nella tracimante passarella canora.

Annunci

Informazioni su GiO

Studente di Informatica presso Università degli Studi di Napoli Federico II, PinoDanielomane e appassionato di Musica, grafica e di fotografia.

Pubblicato il 14/12/2007 su Concerti, Musica, Notizie, Spettacoli, TV. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: