Pino Daniele: canto e riciclo la monnezza


«Non mi piace considerare la musica come una competizione. Oggi la televisione sostituisce il contenuto»

 

«"Electric jam" è la mia nuova avventura musicale: prima parte di un progetto dai due volti a cui seguirà – a novembre – "Acoustic jam", dai toni più soffusi. Due anime, quella elettrica e quella cantautorale, che convivono in me». Pino Daniele è in gran forma. Dopo aver festeggiato con i suoi vecchi compagni di viaggio con il cofanetto «Ricomincio da 30», ora ritorna in pista da «musicante» con la chitarra in spalla e tanta voglia di raccontarsi. A luglio in piazza del Plebiscito si fece portavoce della campagna di sensibilizzazione per l’emergenza rifiuti. Ora, a distanza di mesi, alcuni quartieri della città hanno fatto registrare il 60% di raccolta differenziata. «Un primo grande risultato. Settimane orsono uscivo dal mio studio di Prati. Due vecchietti mi hanno fermato dicendomi: "l’abbiamo vista, lei fa la pubblicità alla munnezza". Sono scoppiato a ridere. E’ stato bello riuscire ad unire – in occasione del concerto di luglio in piazza – più forze politiche per combattere un nemico comune, provando a sensibilizzare la gente riguardo la raccolta differenziata. Qualcosa si è fatto sia con Bassolino che con Bertolaso. Se mi sarà richiesto di fare altro per Napoli in questa direzione, la rifarò».

Che differenza c’è tra la Napoli di oggi e quella della sua adolescenza?
«Sono cambiati i tempi. Napoli – come altre città d’arte – ha perso la sua identità, divenendo uno dei tanti luoghi europei dove si cerca di vivere all’americana ».

Lo cantava già Carosone in «Tu vuo’ fa’ l’americano».
«E il maestro fu profetico. Le nostre città, non sono abituate a questo tipo di vita massificata a stelle e strisce; provano ad adattarsi ma così sacrificano i propri tratti distintivi. L’arte è protagonista ma è stata messa da parte. Eduardo, ad esempio, non ha più ragione di essere nella Napoli di oggi».

Pensa che Eduardo faccia parte di una città che non esiste più?
«Purtroppo sì, non c’è più la Napoli di Totò, dei monumenti, della tradizione. La Napoli della mia giovinezza, invece, riusciva ancora a preservare la magia della tradizione».

Venerdì esce «Electric jam», sei brani al prezzo di 9,90 euro: si adegua ad un mercato in crisi?
«Sono un artista di concetto, sono legato all’album, ma mi rendo conto che è cambiato anche il sistema. Ho adattato così il prodotto ai tempi».

Dal 28 marzo al 2 aprile sarà al Blue Note di Milano per un’anticipazione del tour : nessuna data a Napoli?
«Quest’estate scenderò al Sud per approfittare del clima e delle strutture all’aperto; in questo modo potrò portare anche una produzione più grande».

In città si parla di una sua apparizione il 5 giugno all’Arena Flegrea al concerto di Sal Da Vinci.
«Non ne so niente. Ma è difficile che possa esserci, perché in quel periodo sarò negli States per lavorare alla seconda parte – quella acustica – del progetto».

Cos’è per lei la musica?
«È comunicare, scambiare emozioni. Purtroppo oggi la televisione sostituisce il contenuto, non è importante cosa fai ma dove appari e anche la comunicazione finisce per smarrire la sua identità e la sua verità. Le emozioni vere non sempre fanno fatturare. Resta il fatto che a me non piace considerare la musica come una competizione e il televoto premia inevitabilmente chi sta in tv da un anno e ha già un pubblico abituato a televotarlo. Una bella canzone è un’altra storia. Non per niente Battiato, Fossati, De Gregori, De Andrè sono stati sempre fuori da questi circuiti».

 

 

di Carmine Aymone

Informazioni su GiO

Studente di Informatica presso Università degli Studi di Napoli Federico II, PinoDanielomane e appassionato di Musica, grafica e di fotografia.

Pubblicato il 25/03/2009 su Concerti, Discografia, Interviste, Musica, Napoli, Notizie, Spettacoli, Tour. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: