Pino Daniele: «Il mio blues per l’Abruzzo sabato notte all’Olimpico»


 

A novembre l’album acustico: «Sarà un disco molto particolare, solo voce e chitarra e un solo pezzo italiano»

 

Pino apre. «Non mi preoccupa suonare quando c’è ancora la luce, ho girato festival in tutto il mondo sono abituato. E poi l’ho chiesto come condizione. Subito dopo devo partire devo fare 600 chilometri in macchina, perché io l’aereo non lo prendo». Comincerà così, dunque, Corale per l’Abruzzo, il pop che scende in campo (è proprio il caso di dirlo, trattandosi di uno stadio per le popolazioni terremotate): Daniele con il suo quartetto elettrico che mette in pista tre dei suoi pezzi più conosciuti, Che Dio ti benedica, Io per lei, Yes i know my way (con una sorpresa) e uno dei brani dell’ultimo album, Electric jam, Dimentica.

Pino si ricorda quale è stata la sua ultima volta allo stadio? «L’ultima volta, tutta mia, fu al San Paolo nel 98. Una serata strepitosa, con 94 mila paganti. Nessuno ha più riempito uno stadio in questo modo. Fu fantastico».
Nostalgia? «Erano altri tempi. Oggi la comunicazione è cambiata profondamente. Nel momento di mio massimo successo la musica era legata a fenomeni di costume e sociali. Oggi quei valori non ci sono più. E la musica è diventata solo intrattenimento. E per me non funziona. Meno male che suono e basta».
In posti più piccoli. «Dove posso presentarmi con un quartetto e suonare quello che mi piace».
Come sta facendo con questo tour che, dopo una breve pausa, riprende da Roma, venerdì 26, alla Cavea dell’Auditorium. «É il secondo tempo di questo viaggio. Poi in autunno ci sarà la terza parte, sempre in quartetto con l’arrivo alla batteria di un musicista come Michael Baker, che si aggiune a Matthew Garrison al basso e a Gianluca Podio alle tastiere. Ci divertiamo e il clima sarà ancora più rhythm ’n’blues».
Poi, a novembre, arriverà l’annunciato album acustico.«Ci sto lavorando, qualcosa l’ho anche già registrato».
Sono tutti pezzi inediti, no? «Altri sei, sarà un disco molto particolare, solo per voce e chitarra con un solo pezzo italiano, il resto molto blues. Sarà da ascoltare».
Nel frattempo ha fatto le musiche anche per un documentario su Vittorio Mezzogiorno. Eravate amici? «Ci conoscevamo, so che lui amava la mia musica. Ma soprattutto sono amico di sua figlia Giovanna che ha prodotto questo film, Negli occhi, e ne è la voce narrante».
Ai tempi di Massimo Troisi aveva già avuto l’esperienza di fare delle colonne sonore. «Si, ma non è un mestiere che amo particolarmente. Sono uno che ha bisogno di carta bianca, invece a decidere è il regista. Con Massimo andava bene perché eravamo amici».
Pino, molti suoi colleghi hanno scritto libri. Lei ha mai pensato di scrivere qualcosa? «Qualche poesia, perché è come scrivere canzoni. E qualche anno fa un libricino con la mia storia e quattro poesie. La cosa che mi piacerebbe fare è un libro di chitarra, un metodo».
È la sua grande passione, chi sono i suoi idoli su questo strumento? «Leo Brouwer, fantastico chitarrista cubano, Django Reinhardt, John McLaughlin, Jeff Beck, Eric Clapton e tantissimi altri».
Il concertone dell’Olimpico sabato comincerà alle 20,30. Le scalette si vanno definendo, così se Baglioni e Venditti si uniranno per cantare Roma Capoccia, Claudio duetterà anche con Renato Zero inI migliori anni della nostra vita, con Morandi in Un mondo d’amore e con la Mannoia in Amore bello. Anche Dalla si unirà a Fiorella con Anna e Marco. Mentre Zero, nel suo set di quattro canzoni, avrà ospiti Gino Paoli e Trovajoli. Al cast, intanto, si è aggiunto anche Jovanotti, mentre Giuliano Sangiorgi e Mauro Pagani canteranno il brano proAbruzzo Domani.

 

 

 

di Marco Molendini

Informazioni su GiO

Studente di Informatica presso Università degli Studi di Napoli Federico II, PinoDanielomane e appassionato di Musica, grafica e di fotografia.

Pubblicato il 18/06/2009 su Concerti, Discografia, Interviste, Musica, Notizie, Spettacoli, Tour. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: