Pino Daniele, il dolce graffio del blues


1750045209

Un migliaio di spettatori in piazza Loggia ha applaudito il cantautore

 

Pino Daniele, mercoledì sera in Piazza Loggia davanti ad un migliaio di spettatori, ha dato prova della naturalità del suo timbro, pur sempre un tratto distintivo, che «può piacere o no – bisbigliano tra il pubblico -, ma certo lui è bravo». Attacca evocando gli albori di carriera, il 1979 di «Je so’ pazzo» e i primissimi Ottanta di «A me me piace ‘o blues».

Ebbene sì, a distanza di oltre trent’anni Masaniello è tornato, affiancato da amici di allora quali Rino Zurzolo a basso e contrabbasso, il batterista Agostino Marangolo e Gianluca Podio a piano e tastiere. Tastiera che sui toni ascendenti fa il verso alla voce chiamata ad armonizzare semplicità sugli arrangiamenti blues, tra italico idioma, partenopeo stretto e lingua d’Albione.  «Dimentica» enuncia il ricorrente omaggio a Carlos Santana; «Dubbi non ho» è modulata e adulata da un basso che si fa sentire senza soggiogare.

Pino Daniele non delude, porta sul palco i suoi successi, «Sara» da «Medina», con la stessa incisività di un saxofono si inserisce il contrabbasso, o per meglio dire il contrappasso baritonale al timbro tenoreo vigilato da un’intera sezione ritmica, che sa scivolare come sul velluto nell’intreccio melodico. «Chi tene ‘o mare» (dall’album eponimo del 1979) è una marea di pathos sulla platea, pronta ad intonare «Quando» in versione, perlomeno all’inizio, da pianobar d’elite.

Gli astanti («Bravo guaglio’!») invocano i bis, il cantautore napoletano concede «Uè man» e «Sono un cantante di blues». Ed effettivamente Pino si conferma tale, cantante, ma soprattutto chitarrista, blues, di un blues con la «pummarola n’coppa», che affonda le mani nella pasta sapiente della ricerca stilistica e dell’arte pratica, tuttavia in grado di risultare digeribile anche a chi si sia fatto i denti su gusti più tradizionali, come testimonia del resto il successo radiofonico dell’artista. E «Che Dio ti benedica», Pino, hai ragione: «Il blues non morirà mai, ma noi sì».

Informazioni su GiO

Studente di Informatica presso Università degli Studi di Napoli Federico II, PinoDanielomane e appassionato di Musica, grafica e di fotografia.

Pubblicato il 15/07/2010 su Concerti, Musica, Notizie, Spettacoli, Tour. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: