Grandi voci per il nuovo Pino Daniele


«Boogie boogie man» il cd in uscita. Duetti con Mina, Battiato e Biondi

Pino DanieleL’uomo in blues, il nero a metà, il mascalzone latino diventa un «Boogie boogie man». È questo il titolo del nuovo album di Pino Daniele, in uscita il 23 novembre, e del singolo che dà il titolo a un disco di grandi duetti. Anzi no: «Non sono duetti, ma pezzi che amo molto impreziositi da grandi voci», spiega il cantautore: «Nostra signora della canzone Mina intona due strofe di “Napule è” sola con la mia chitarra, Battiato traduce in siciliano pochi versi di “Chi tene ’o mare”, Mario Biondi jazza“je so pazzo”». C’è anche il nuovo amico J-Ax, una collaborazione recidiva, in «Siente fa accussì», rilettura (con nuovo testo, griffato dal rapper) di «Yes I know my way», che già conobbe nuova vita nella versione con i Simple Minds. Due soli gli inediti – il secondo è la ballad «It’s a beautiful day» – per un «ritorno agli anni Settanta, un disco suonato senza computer nè elettronica, nato al ritorno dell’esperienza a Chicago nel ”Crossroads festival” di Eric Clapton», racconta l’uomo di «Terra mia»: «Visto che la musica è in crisi e i discografici non sanno che cosa fare mi sono divertito a suonare. ”Boogie boogie man” è un vero boogie, mi fa pensare ai Canned Heat, metà in italiano e metà in inglese». Al posto del mai realizzato «Acoustic jam», ecco allora un PINO DANIELE reloaded, e «decisamente blues», con i fans che sperano di vederlo tornare all’antico, e lui che arruola nuovi, prestigiosissimi collaboratori (Mina ha già interpretato strepitosamente alcuni suoi pezzi, compresa «Napule è»), al fianco della sua band rinforzata dai ritorni di Mel Collins al sassofono, Omar Hakim alla batteria, Matthew Garrison al basso e Rachel Z al pianoforte. Il boogie man partenopeo si è divertito in sala, «libero di fare musica, di suonare ancor prima che di cantare. Non vedo grandi cose in giro, a parte le poche certezze di sempre. E allora divido il mio mare con uno come Battiato, che sa come fa il mare, divido la mia Napoli con Mina, che alla nostra amata-odiata città ha dedicato più dischi, con affetto e amore e passione. Incontro le nuove generazioni, senza paura di passare da un genere a un altro, dal languore jazzato di Biondi all’hip hop di J-Ax». Il 5 novembre il debutto nelle radio del singolo, il popolo pinodanieliano è già in attesa. «Good must be a boogie man», dio deve essere un boogie man cantava Joni Mitchell pensando a Charlie Mingus.

 

di Federico Vacalebre

Annunci

Informazioni su Giorgio

Studente di Informatica presso Università degli Studi di Napoli Federico II / "PinoDanielomane" / appassionato di musica, qualsiasi genere essa sia

Pubblicato il 20/10/2010, in Collaborazioni, Discografia, Interviste, Musica, Notizie con tag , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: