Pino Daniele: «Dopo Clapton ricomincio da indipendente»


 

Eric & PinoIl giorno dopo dell’evento Eric Clapton a Cava per Pino Daniele è tempo di relax, ma anche di consuntivi e di progetti: «È stata una festa, un vero evento, qualcosa che dimostra come si possa ancora fare della musica solo per il gusto di farla, oltre che per il piacere di essere utili. Voglio sapere quanto siamo riusciti a raccogliere, spero che il nostro impegno per i piccoli ammalati del Pausilipon possa andare anche oltre il nostro sforzo, invitare chi, come noi, ha a fare per chi soffre, ed ha molto meno. Ho voluto fare il concerto qui per far vedere un’altra immagine della Campania, ben diversa da quella che si vede da un po’ di tempo a questa parte. Il potere, la politica hanno le loro regole. Noi crediamo solo nella musica». La felicità per aver diviso «Napule è», «Cocaine» e «Layla» con Manolenta è scritta negli occhi di solito poco eloquenti del Nero a Metà: «Sul palco mi sentivo come un bambino che ha avuto in regalo il giocattolo più bello del mondo, il più atteso, come un pilota a cui viene concesso di dividere il volante con Schumacher. Eric è un dio della chitarra, ma anche una persona magnifica, tra di noi è nata un’amicizia che mi pare sincera, mi ha invitato di nuovo al ”Crossroads festival” di Chicago, per l’edizione 2013». Prima, però, il lazzaro tornato felice darà una svolta alla sua carriera: terminato il contratto che lo legava alla Sony Music, ha deciso di unirsi all’elenco, ogni giorno più lungo, degli artisti che dicono addio alle major del disco: il suo prossimo album dovrebbe uscire il 24 marzo 2012, con anteprima live la sera stessa al Carisport di Cesena, prima data di un tour che attraverserà poi l’Italia tornando a Napoli, Palapartenope (e anche questa è una notizia), il 31 marzo e l’1 aprile. A pubblicare il cd sarà l’etichetta del cantautore partenopeo, la Blue Drag, a pubblicarlo Indipendente/Mente, cartello di distribuzione emergente. Già, ma che disco sarà quello della svolta indie di Pino Daniele? «Non lo so ancora, avevo iniziato a scrivere qualcosa, ma poi ho pensato soltanto alla serata con l’ex Cream. Ho a terra dei brani di blues latino, delle cose più napoletane, ho voglia di tornare a sperimentare la commistione con il suo classico, e anche con l’orchestra. Vedremo. Quello che ora più conta è che finalmente sono libero di fare quello che voglio»

 

di Federico Vacalebre

Informazioni su GiO

Studente di Informatica presso Università degli Studi di Napoli Federico II, PinoDanielomane e appassionato di Musica, grafica e di fotografia.

Pubblicato il 26/06/2011, in Collaborazioni, Concerti, Discografia, Interviste, Musica, Napoli, Notizie, Spettacoli, Tour con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: