Il Summer chiude in grande stile con Marcus Miller e Pino Daniele


 

L’edizione 2013 del Summer Festival ha chiuso in grande stile. Due i set di ieri sera, martedì 30 luglio: Marcus Miller e Pino Daniele. Forse un modo per accontentare tutti, italiani e stranieri; quest’ultimi presenti in gran numero a tutti i concerti. Tanto sta che la platea era quasi interamente composta da amanti del chitarrista napoletano, ma Miller è riuscito a conquistarla ugualmente. Il bassista si è presentato sul palco con la sua band con cui sta portando in tournée il suo ultimo album “Renaissance”, e proprio da quest’ultimo lavoro ha pescato a piene mani per la sua performance in piazza Napoleone.

La band composta da Alex Han ai sax (soprano e contralto), Sean Jones alla tromba, Adam Agati alla chitarra, Brett Williams al pianoforte e tastiere e Louis Cato alla batteria ha rapito la platea: questi giovani musicisti talentuosi hanno letteralmente incantato con la loro performance il pubblico del Summer.

I brani, scritti da Miller, hanno spaziato da quelli smaccatamente funky come “Detroit”, a “Redemption” dove sax, tromba e chitarra si sono ritagliati un assolo che ha lasciato la platea senza fiato; a quelli già conosciuti come “Dott. Jekyll e Mr.Hyde”, – un brano con una parte buona e una cattiva –  come ha raccontato Miller, scherzando su questa dualità; a dediche all’Africa come “Goree (Go-ray)”, unico brano della serata in cui il bassista ha suonato il clarinetto basso e Alex Han il sax soprano.

Alle 22.25 la performance del gruppo americano è finita, ma la platea ha chiesto il bis. Miller è ritornato sul palco con la sua band e con Pino Daniele, scherzando sul fatto di aver trovato per caso un chitarrista. Sarà la prima delle due jam session organizzate per la serata: l’ultima a fine concerto dove invece sarà la band di Pino Daniele a suonare con Miller. Nel vero rispetto della musica entrambe le band hanno lasciato spazio all’ospite per esibirsi.

Il repertorio di Pino Daniele, invece, ha spaziato da brani classici come “Napule è” e “’O Scarafone” (dove il pubblico è letteralmente impazzito), fino alla recente “Coffee time”. L’artista napoletano era accompagnato da Awa Ly alla voce, Elisabetta Serio al pianoforte e tastiere, Rino Zurzolo al contrabbasso elettrico e Tullio De Piscopo alla batteria (e percussioni in “Quando”, e “Resta Resta Cu Mme” dove ha suonato solo con il chitarrista napoletano).

Pino Daniele ha chiesto un momento di silenzio per le vittime del pullman caduto da un viadotto in Irpinia. Le persone per rispetto si sono alzate in piedi. Piazza Napoleone era illuminata solo da piccole luci rosse ed avvolta da un magico silenzio che è stato interrotto da un cafone che ha urlato “vai Pino” e Pino Daniele, visibilmente scocciato, ha dovuto riprende, prima del tempo, la sua performance.

Il concerto si è concluso con “A me me piace ‘o blues” come bis. Tutte le persone si sono alzate in piedi e hanno cantato insieme all’artista napoletano. A mezzanotte e mezzo Pino Daniele ha salutato Lucca, e anche questa edizione del Summer Festival si è conclusa.

 

di Cinzia Guidetti

Informazioni su GiO

Studente di Informatica presso Università degli Studi di Napoli Federico II, PinoDanielomane e appassionato di Musica, grafica e di fotografia.

Pubblicato il 31/07/2013, in Collaborazioni, Concerti, Musica, Napoli, Notizie, Recensione, Spettacoli, Tour con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: