Pino Daniele ritorna al passato: "Festeggio il mio Nero a metà"


Il cantautore svela a Tgcom24 l’evento del primo settembre all’Arena di Verona

 

Pino Daniele il primo settembre all’Arena di Verona celebrerà l’album storico “Nero a metà” con la band originale del 1980, ospiti speciali e l’orchestra sinfonica. Il cantautore rivela a Tgcom24 che il nuovo disco uscirà nel 2015, definisce i rapper “poeti moderni” e sui fatti di Coppa Italia ha le idee chiare: “Un caos voluto”. Infine ha fiducia in Renzi: “Bene fare le cose in fretta, la gente non aspetta. Grillo? Critica sempre”.

 

Come mai hai deciso di celebrare “Nero a metà”?
E’ stata una idea di Ferdinando Salzano, amministratore delegato della mia agenzia live F&P Group, e anche a me sembrava giusto rendere omaggio ad un album che è stato uno spartiacque nella musica napoletana. Con quel disco abbiamo dato una svolta moderna a tutto il repertorio. Dopo quasi quarant’anni quella rivoluzione è ancora oggi viva nell’aria. Nel 1979-1980 si mandavano tanti messaggi sociali e sono nate le scuole musicali napoletane, romane oltre a quella genovese. Un vero e proprio movimento partenopeo.
L’hip hop ha raccolto quella eredità?
Io dico sempre che i rapper sono i nuovi poeti. Mi vengono in mente J-Ax, Clementino, Jovanotti e Fedez. Ma anche Almamegretta, Negrita e Negramaro hanno contribuito a rinnovare la nostra musica.
Cosa vedranno i tuoi fan il primo settembre a Verona?
Sono molto legato all’Arena perché in un lontano Festivalbar cantai ‘Je so pazz’, era il mio debutto. Comunque sarà un vero evento in cui porterò sul palco la mia formazione originale del 1980 da James Senese a Agostino Marangolo, con l’aggiunta di 50 elementi dell’orchestra sinfonica Roma Sinfonietta, diretta dal Maestro Gianluca Podio.
Ne sarà tratto un cd-dvd live?
No perché non mi piacciono queste operazioni. Chi viene godrà dello spettacolo e chi non viene… peggio per lui (ride, ndr).
Stai già lavorando al nuovo disco?
Uscirà il prossimo anno. E’ un album di ricerca come lo fu ‘Medina’ per la musica mediterranea. Ed è probabile che ci siano ospiti.
Sarà un lavoro autoprodotto?
Non lo escludo, vorrei fosse autoprodotto.
Che ne pensi dei fatti di Coppa Italia e delle polemiche scaturite per le infiltrazioni della Camorra nella tifoseria napoletana?
Se ci pensiamo ci sono sempre stati gli infiltrati quando accadono disordini di questo genere. Non mi meraviglio, quando purtroppo succede. Penso che questo caos sia stato voluto e organizzato. Lo sport deve rimanere un momento di gioia e di festa.
Il premier Renzi dice che bisogna fare le cose in fretta, ha ragione?

Ha ragione perché la gente è stufa di aspettare, la disperazione che c’è in giro è fortissima. Ci vogliono segnali nuovi, forti e sono fiducioso che ci possano essere delle risposte in merito.
E Grillo?
Ma lui critica sempre. Il suo ruolo è quello.

 

di Andrea Conti

Informazioni su GiO

Studente di Informatica presso Università degli Studi di Napoli Federico II, PinoDanielomane e appassionato di Musica, grafica e di fotografia.

Pubblicato il 07/05/2014, in Collaborazioni, Concerti, Discografia, Interviste, Musica, Napoli, Notizie, Spettacoli, Tour con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: