Pino Daniele & Friends, serata speciale in Arena


Verona s’infiamma per il concerto del cantante napoletano. Sul palco con lui Elisa, Mannoia, Emma

Inizia alle 21.15 in punto accolta dall’ovazione di un anfiteatro folto di pubblico, caldo ed entusiasta. È la «serata speciale» di Pino Daniele che lunedì sera ha acceso l’Arena di Verona in una notte serena, tiepida e illuminata dalla luna, una rara eccezione nell’estate autunnale di quest’anno. Che sia una serata speciale, come più volte ricorda Pino Daniele, lo si è capito dalle prime note, quelle di «Terra mia», «il primo brano che ho scritto», ha spiegato l’autore. Quelle di «Quando» con la presenza, accanto alla band, dell’orchestra sinfonica Roma Sinfonietta diretta da Gianluca Podio, si fanno ancora più struggenti nel duetto con Elisa.

Elisa è solo una delle ospiti di una serata intitolata all’album del 1980 «Nero a metà», una serata che rappresenta il bilancio di una carriera artistica, dove la carica innovativa del blues italiano di Pino dei tempi di «Nero a metà», si ritrova in quel giocare con i ritmi con cui le canzoni memorabili del napoletano vengono rilanciate, latino americani, jazz, reggae e via dicendo. Un gioco che quando entra in scena la storica band del 1980 con James Senese, salutato dagli applausi incontenibili del pubblico, si fa veramente magico. Canta la canzone per Sara, la figlia che, racconta il chitarrista napoletano, «quando ho suonato qui aveva due anni, e che ora ne ha diciotto e sta in mezzo al pubblico», e poi tornano i duetti con quelli che Pino Daniele definisce i suoi amici più che gli ospiti: Fiorella Mannoia (che approdata in Arena dopo un ritardo dell’aereo confessa di non aver provato) che esalta la poesia di «Senza ‘e te», poi Emma («artista che amo molto perché è pazza come me”», che fa esplodere «Je so pazzo». «Sotto ‘o sole» esce dal confronto di due voci così diverse, quella unica di Pino Daniele e quella profonda di Mario Biondi che omaggia così colui che considera il suo maestro. E infine Francesco Renga che reinterpreta a suo modo «Musica musica», e cantare «la musica è tutto quello che ho», dà il senso a tutta la serata con il suo emozionante sguardo evocativo. Poi è tutto un inanellare di perle, da «I say i’ sto ccà» a «Quanno chiove» e «A me me piace ‘o blues», finché gli amici non si ritrovano tutti sul palco per intonare «Napul’è», certo non molto provata ma di sicuro molto sentita. E con «Yes I know my way» si chiude una serata che più che speciale è stata indimenticabile.

 

di Camilla Bertoni

Annunci

Informazioni su Giorgio

Studente di Informatica presso Università degli Studi di Napoli Federico II / "PinoDanielomane" / appassionato di musica, qualsiasi genere essa sia

Pubblicato il 02/09/2014, in Collaborazioni, Concerti, Musica, Notizie, Recensione, Spettacoli, Tour con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: