A Pino, pecchè ce staje semp’ tu..


Pino Daniele

Sono stati e saranno giorni difficili, di grande dolore che mai avrei pensato di dover affrontare e sembra ancora tutto così irreale.

Non è un nuovo post su un articolo che riguarda nuovi progetti, nuovi concerti oppure una nuova intervista, purtroppo nulla di tutto questo.

Quella maledetta notte del 5 gennaio se ne è andata una parte della mia vita e di chi lo ha seguito con passione e soprattutto con amore in maniera intensa.

Pino per me è uno di famiglia, è Zio Pino, rappresenta un punto di riferimento, un Mito in cui mi sono sempre identificato. Ha messo in poesia e in musica i pensieri e l’anima di un “popolo” (non soltanto inteso in senso territoriale, il suo linguaggio è universale) e di tante generazioni che si sono riconosciute in questa sua anima. Per me Pino è proprio questo, i miei pensieri e la mia anima sono trasposte nella sua musica, mi appartengono e mi identificano.

Mi ha insegnato tante cose grazie ai messaggi che ha trasmesso nelle sue poesie e grazie alle sue continue sperimentazioni mi ha fatto amare una varietà di generi musicali che forse non avrei mai scoperto senza lui ed anche di questo gliene sarà per sempre grato.

Ha riempito le giornate, la vita, la sua musica ha scandito tutte le mie giornate e ad ogni sua nota è legato un ricordo della mia vita, sapevo che sia nei momenti felici che in quelli meno piacevoli lui era sempre lì a darti la carica o a rincuorarti con la sua chitarra, le sue poesie e la sua immensa Arte.

Seguo Pino sin da bambino e decisi di aprire questo blog nell’aprile del 2007 per creare una sorta di archivio personale e raccogliere articoli e novità su tutto ciò che lo riguardasse, spinto dalla passione e dall’amore. Con soddisfazione questo spazio personale ha anche riscosso un notevole seguito diventando negli ultimi anni uno dei riferimenti di molti altri fan e ciò mi ha spronato a dedicarmi sempre di più con la sola passione ma soprattutto con il sentimento.

In tutti questi anni lo abbiamo seguito e supportato assiduamente tra nuovi album, tour, interviste e collaborazioni che ci ha donato, ogni novità che lo riguardasse era una festa e questo ci mancherà tanto, tantissimo.

Mancheranno nuove melodie che era in procinto di donarci, nuove poesie nel suo linguaggio universale, nuovi assoli di chitarra che valevano più di mille parole.

Mancheranno le attese spasmodiche di nuovi dischi, le corse al biglietto per accaparrarsi i posti migliori ai concerti, le discussioni sui nuovi lavori che talvolta potevano dividere nelle opinioni ma contemporaneamente ci univano, mancherà una parte della nostra vita e come lui ci da detto nel suo ultimo album di inediti “niente è come prima”, senza di te Pino niente sarà come prima.

Non sarà come prima, ma sarà più di prima e soprattutto ora mi sento in dovere di continuare più di prima a diffondere la sua immensa Arte, Pino Daniele non finirà mai pecchè ce staje semp’ tu...”.

Ringrazio tutti voi che seguite queste pagine, e sono orgoglioso se ho potuto fare da tramite alle sue parole attraverso questo spazio in questi ultimi 8 anni a tanti di voi.

Per la prima volta scrivo sulle pagine di questo blog, lascerai un vuoto che non verrà mai più colmato nella mia vita o forse questo vuoto rappresenterà per sempre la tua presenza, voglio soltanto dirti che Ti voglio bene Zio Pino.


Pino Daniele è sentimento, ‘o sentimento nun po’ murì..

Per sempre con me


Giorgio Farina

Informazioni su GiO

Studente di Informatica presso Università degli Studi di Napoli Federico II, PinoDanielomane e appassionato di Musica, grafica e di fotografia.

Pubblicato il 23/01/2015, in Musica con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 4 commenti.

  1. silvana chavis

    Io pensavo che Pino fosse morto il 4 Gennaio, non il 5…cmq io come tantissimi altri ci ritroviamo e condividiamo appieno il tuo articolo di commemorazione..Pino ci manchera’ come l’aria! Silvana Chavis Date: Fri, 23 Jan 2015 15:26:50 +0000 To: silcor99@hotmail.com

    Liked by 1 persona

  2. vita mia ti giuro io ogni tanto guardo il cielo..Vita mia ti giuro
    I ricordi son passati
    La paura del buio
    E qualche foto un po’ invecchiata
    Che mi riporta lontano
    Nella tua mano
    A vote so’ cose ‘e pazzi
    Ma po’ ce stai tu
    Che quando ridi e m’abbracci
    Num m’o scordo cchiù
    E sono libero
    Di domandarmi tutto
    E sono libero
    Di arrabbiarmi quando ho voglia
    E di gridare
    Contro quello che può farti male…………. non fermarti continua a scrivere e noi tutti continiuamo a cantarlo…..ci riporta a casa all’infanzia all’adolescenza ci riporta alle nostre radici vorrei solo lo lasciassero in pace gossip e altro…noi vogliamo solo cantarlo affinche’ sia vivo.

    Liked by 1 persona

  3. José Martín

    Gracias Pino; por todo el amor que brindaste a través de tu persona y tu arte, te considero mi hermano y amigo, mi camarada. Yo creo que en otra vida fui italiano y gracias a ti me conectabas con aquella parte de mí que ahora se va contigo. Sé que ahora desde el cielo estás más cerca de nosotros y le agradezco a la vida haberte conocido. Ti voglio bene caro mio, e dovunque sei grazie mille! Cià guagliò!

    Liked by 1 persona

  4. Non fermarti perché sei tutti noi. Sei il coraggio di resistere a questo dolore e la gioia di ricordare sempre il più grande genio musicale di tutti i tempi.

    Liked by 1 persona

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: