Terra mia

Pino Daniele - Terra Mia (Front)

 

TRACKLIST

1. Napule è

2. Na tazzulella ‘e cafè

3. Ce sta chi ce penza

4. Suonno d’ajere

5. Maronna mia

6. Saglie saglie

7. Terra mia

8. Che calore

9. Chi po’dicere

10. Fortunato

11. Cammina cammina

12. ‘O padrone

13. Libertà

 

 

 

TESTI 

Napule è

Napule è mille culure
Napule è mille paure
Napule è a voce de’ criature che
saglie chianu chianu
e tu sai ca’ nun si sulo
Napule è nu sole amaro
Napule è addore e’ mare
Napule è na’ carta sporca e nisciuno
se ne importa e
ognuno aspetta a’ sciorta
Napule è na’ camminata
int’ e viche miezo all’ate
Napule è tutto nu suonno e a’ sape tutto o’ munno ma
nun sanno a’ verità.
Napule è mille culure..

 

 

Na tazzulella ‘e cafe’

Na’ tazzulella e’ cafè e mai niente cè fanno sapè
nui cè puzzammo e famme, o sanno tutte quante
e invece e c’aiutà c’abboffano e’ cafè
Na’ tazzulella e’ cafè ca sigaretta a coppa pe nun verè
che stanno chine e sbaglie, fanno sulo mbruoglie
s’allisciano se vattono se pigliano o’ cafè
E nui passammo e uaie e nun puttimmo suppurtà
e chiste invece e rà na mano s’allisciano se vattono se
magniano a città
Na’ tazzulella e’ cafè acconcia a vocca a chi nun po’
sapè
e nui tirammo annanz che rulore e’ panze
e invece e c’aiutà c’abboffano e’ cafè
Na’ tazzulella e’ cafè ca’ sigaretta a coppa pè nun verè
s’aizano e’ palazze fanno cose e’ pazze ci girano
c’avotano ci iengono e’ tasse..

 

 

Ce sta chi ce penza

Ma che puzza dinto a ’stu vico
Comme fa’ ‘a gente a campà’
Cu ’sta puzza sotto ‘o naso
Ca nun se po’ cchiù suppurtà’
Mo’ chiamammo a quaccheduno; ccà quaccosa
s’adda fa’
Simmo sciemë o poco buonë
Forze è chesta ‘a verità
E s’è rotta ‘a sajettera
‘A gente scrive ‘e nummarielle
Ma qua’ nummere e ‘a culonna
Ce vo’ l’aiuto d’à Maronna
Chi ce ‘o dice a S. Gennaro
Ma ‘a fernimmo cu’ ’sta storia
Ccà scarzeano ‘e denare e s’adda campà’
E’ passata ‘a prucessione
Pure chesta è tradizione
Se ne cadeno ‘e palazze e a nuje ce abbrucia ‘o
mazzo
‘A città è cchiù pulita ma ognuno mette ‘o dito
E nce vo’ mangnà’
Ma nun dà retta, ce sta chi ce penza
‘Mmiezo a ’sta gente ce sta chi ce penza
E l’America è arrivata
Nce ha purtato tanti cose
So’ tant’anne e tanta storia
E nun se ne và
S’è pigliato ‘e meglio posti’e chesta città
Mentre nuje jettammo ‘o sang’
Dinto ‘e quartieri ‘a Sanità

 

 

Suonno d’ajere
Pulecenella mio
Comme sì’ cagnato
Sta maschera nera t’à si’ levata
Quanta dulure
E quanta suonno d’ajere
Ce sta chi dice
Ca nun viene cchiù
Ma nun è overo
Ca ie so’ fernuto
E allucco pe’ tantö dulore
Pe’ tantö dulore
Tu nun si’ cchiù Pulecenella
Facive ridere e pazzià’
Mo t’arragge e pienze a’ guerra
E nce parle ‘e libertà
I’ allucco ogne minuto
Ncoppa ‘e vocche d’e criature
Ncoppa ‘e mane d’e signure ‘e ’sta città
Pe chesta miseria ca nce sta’ ‘nzino a dinto ‘e recchie
E nun ce lassa manco ‘o tiempo
E nce guardà
Ma a chi stammo aspettanne
Pe stennere ’sti pannë
‘E parole nun fanne rummore
Nun fanne rummore
Tu nun si’ cchiù Pulecenella
Facive ridere e pazzià’
Mo t’arragge e pienze a’ guerra
E nce parle ‘e libertà.

 

 

Maronna mia

Maronna mia Maronna mia
Se so’ arrubato ‘e sordë
Comme faccio comme ‘a metto a nomme
So’ state duje guaglioni muccusielli
S’hanno arrubbato ‘e sordë e pure ‘aniellö
Maronna mia Maronna mia
Era ‘a primma mesata
Chi ce ‘o dice ‘a casa
Si ll’ancappo? Si ll’ancappo
Saje che succede
Nce faccio ‘o mazzo tanto!
Maronna mia Maronna mia
Era chillu guaglione
Ueh! viene ccà, viene ccà, nun fa’ l’indiano
Che faje abbedè ca nun saje niente
Ce stava tutta chesta gente
Ma che succede, chesta gente nun me vò
aiutà’
E’ gente ‘e niente
E’ gente ‘e niente.

 

 

Saglie, saglie

Saglie, saglie
Cu’ sta spòrta chièna d’aglië
Si nun saglie e scinnë
Tutta ’sta rrobba nunn’a vinnë
Sole, sole d’òro
A matina me daje forza
Mentre attuorno tutto morë
Quanti votë ‘mmiezo e mane
‘Mmiezo e mane aggio guardato
Quanti cose aggio pë rduro
Quanti cose aggio truvato
Sole, sole…
Saglie, saglie
Cu’ sta spòrta chièna d’aglië
Si nun saglie e scinnë
Tutta ’sta rrobba nunn’a vinnë …

 

 

Terra mia

Comm’è triste, comm’è amaro
Assettarse pe guardà’ tutt’e ccose
Tutt’è parole ca niente pònno fa’
Si m’accido ie agg’jettato chellu ppoco ‘e libertà
Ca sta’ terra, chesta gente ‘nu juorno m’adda da’
Terra mia terra mia
comm’è bello a la penzà’
Terra mia terra mia
comm’è bello a la guardà
Nun è overo nun è sempe ‘o stesso
Tutt’e juornë po’ cagnà’
Ogge è deritto, dimane è stuorto
E chesta vita se ne và
‘E vecchie vanno dinto a chiesa
Cu’ a curona pe’ prià’
E ‘a paura ‘e chesta morte
Ca nun ce vo’ lassà’
Terra mia terra mia
Tu si’ chiena ‘e libbertà
Terra mia terra mia
I’ mò sento ‘a libbertà.

 

 

Che calore
Che calorë che calorë
Commë cocë ‘o solë
S’è misö justö ‘ncapä
‘E nun ce fa’ faticà’
Che calorë che calorë
Stongo tutto suratö ; è megliö
Ca levàmmo mano nun ce stà nientë ‘a fa’
I’ mo’ morö cu’ ’stu calorë
Nun me fidö cchiù
Stongö una zuppa ‘e surorë
E si m’arraggiö nun faticö cchiù…
Che calorë che calorë
Dice ‘a chiattona
Sagliennë ‘e grarë nun ce ‘a fa
Che calorë che calorë
Dice ‘o guaglione
Si se scassano ‘e tazze l’aggio ‘a pavà’
I’ mo’ morö cu’ ’stu calorë
Nun me fidö cchiù
Stongö una zuppa ‘e surorë
E si m’arraggiö nun faticö cchiù…

 

 

Chi po’ dicere
Chi po’ dicere ca sto’ murenno
Chi po’ dicere ca so’ cuntento
Chi po’ dicere ca sto’ sbaglianno
Parlanno male ‘e tutte chisti anne
Tantu tiempo ma nce penzo ancora
Chella nun era ‘a strada bona
Chi me dice ammore
Rispongo dulore
Chi po’ dicere dimane vengo
E aspiette tutta ‘na vita
E t’accuorge ca nun aje capito
E nun te po’ cchiù passà
Chi me dice umanità
Rispongo ammore ammore ammore.

 

 

Furtunato

Furtunato tene ‘a rrobba bellä
E pe’ chesto adda alluccà’
E’ na’ vita ca pazzeja
P’è vie ‘e chesta città
Salutä ‘e ffemmënë ‘a ‘ncoppa ‘e barcunë
Viecchië giuvënë e guagliunë
Ce sta chi dice ca è l’anëma ‘e chesta città
Furtunato tenë ‘a rrobba bellä ‘nzogna ‘nzogna
Nun è cchiù commë ‘na vòta
Ma ogne tanto se fa sentì’
Cu chella vocë ca trasë dinto ‘o còrë
E te fa murì’
Cagnanö ‘e ffemmënë
Cagnanö ‘e barcunë
E isso salutä senza penzà’
Napule è commë ‘na vota
Ma nuje dicimmo ca adda cagnà’
Furtunato tenë ‘a rrobba bellä ‘nzogna ‘nzogna.

 

 

Cammina cammina

Nc’oppa l’evera ca addore se ne scennene e’ culure
e cammina o vicchiariello sotta a luna
quante vote s’è fermato pe’ parlà cu qualcheruno
e nun c’è sta mai nisciuno che se ferma po’ sentì
E cammina, cammina vicino ò puorto
e rirenno pensa a’ morte
se venisse mò fosse cchiù cuntento
tanto io parlo e nisciuno me sento
Guardando o mare penso a’ Mariaca’ mo nun ce sta cchiù
so sulo tre anni e ce’ penso tutte e’ sere
passo o’ tiempo e nun me pare o vero
E cammina, cammina vicino ò puorto
e chiagnenno aspetta a’ morte
sotta a’ luna nun parla nisciuno
sotta a’ luna nisciuno vo’ sentì

 

 

‘O padrone

‘O padrone nun và duje sordë
Dice sempe ‘e faticà’
E nuie ce magnammo ‘o limone
Pe’ duje sordë ca ce dà?
’o padrone ogg’è venuto
Nce vuleva parlà’
Stateve accuorto ccà zompa tutt’e cose
E ‘na botta nce ha cugliùto llà
Quanta luce cchiù miseria nun ce stà
‘Mparaviso se sta buono
Senza nisciuno ca nce po’ cumannà’
‘O Signorenun và duje sordë
Dice sempe ‘e prià’
E priate ‘a Maronna
Ca ‘ncoppa ‘a terra po’ cagnà
‘O Signore ogg’è venuto
Nce vuleva parlà’
Ma che ve site miso ‘ncapa
‘Mparaviso s’adda faticà’
Quanta luce ‘mparaviso nun se po’ stà’
Nemmeno muorto stammo buono
Manco ‘o limone nce putimmö magnà’.

 

 

Libertà

Chiove ‘ncoppa a ’sti palazze scure
‘Ncoppa ‘e mure fracete d’a casa mia
Tutt’attuorno l’aria addora ‘e ‘nfuso
Chi song’io
Ce cammine ‘mmiezo ‘a via
Parlanno ‘e libertà
Stà durmenno senza tiempo
‘Nu ricordo ca nun penzo cchiù
Ma che succede io sto’ chiagnenno
Penzanno a ‘o tiempo ca se ne va
E cammine ‘mmiezo ‘a via
Parlanno ‘e libertà.

 

 

 

 

 

CREDITS

Pino Daniele:
chitarra classica, acustica,
elettrica, mandola, mandolino e voce
Rosario Iermano:
batteria e percussione
Enzo Avitabile: fiati
Rino Zurzolo:basso elettrico e contrabbasso acustico
Enzo Canoro:
basso elettrico (Che calore e Furtunato)
Donatella Brighel:
coro e voce solista(Saglie Saglie e Suonno d’ajere)
Dorina Giangrande:
coro
Antonio Sinagra:
arrangiamenti archi (Napule è)
Piero Montanari:
basso (Na tazzulella ‘e cafè)
Amedeo Forte:
piano
Roberto Spizzichino:
batteria
Stefano Taccaliti e Franco Finetti:
fonici
registrato allo studio Quattro Uno di Roma
(Luglio 1976 – Aprile 1977)
copertina realizzata da:
Umberto Telesco
Testi, musiche, arrangiamenti:
Pino Daniele
tranne “Napule è” arrangiamento:
Antonio Sinagra.
Produzione:
Claudio Poggi

Testi/Musiche/Arrangiamenti di Pino Daniele
Edizioni Musicali LA VOCE DEL PADRONE s.r.l.
EMI Italiana s.p.a.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: