Archivi Blog

Pino Daniele ritorna al passato: "Festeggio il mio Nero a metà"

Il cantautore svela a Tgcom24 l’evento del primo settembre all’Arena di Verona

 

Pino Daniele il primo settembre all’Arena di Verona celebrerà l’album storico “Nero a metà” con la band originale del 1980, ospiti speciali e l’orchestra sinfonica. Il cantautore rivela a Tgcom24 che il nuovo disco uscirà nel 2015, definisce i rapper “poeti moderni” e sui fatti di Coppa Italia ha le idee chiare: “Un caos voluto”. Infine ha fiducia in Renzi: “Bene fare le cose in fretta, la gente non aspetta. Grillo? Critica sempre”.

 

Come mai hai deciso di celebrare “Nero a metà”?
E’ stata una idea di Ferdinando Salzano, amministratore delegato della mia agenzia live F&P Group, e anche a me sembrava giusto rendere omaggio ad un album che è stato uno spartiacque nella musica napoletana. Con quel disco abbiamo dato una svolta moderna a tutto il repertorio. Dopo quasi quarant’anni quella rivoluzione è ancora oggi viva nell’aria. Nel 1979-1980 si mandavano tanti messaggi sociali e sono nate le scuole musicali napoletane, romane oltre a quella genovese. Un vero e proprio movimento partenopeo.
L’hip hop ha raccolto quella eredità?
Io dico sempre che i rapper sono i nuovi poeti. Mi vengono in mente J-Ax, Clementino, Jovanotti e Fedez. Ma anche Almamegretta, Negrita e Negramaro hanno contribuito a rinnovare la nostra musica.
Cosa vedranno i tuoi fan il primo settembre a Verona?
Sono molto legato all’Arena perché in un lontano Festivalbar cantai ‘Je so pazz’, era il mio debutto. Comunque sarà un vero evento in cui porterò sul palco la mia formazione originale del 1980 da James Senese a Agostino Marangolo, con l’aggiunta di 50 elementi dell’orchestra sinfonica Roma Sinfonietta, diretta dal Maestro Gianluca Podio.
Ne sarà tratto un cd-dvd live?
No perché non mi piacciono queste operazioni. Chi viene godrà dello spettacolo e chi non viene… peggio per lui (ride, ndr).
Stai già lavorando al nuovo disco?
Uscirà il prossimo anno. E’ un album di ricerca come lo fu ‘Medina’ per la musica mediterranea. Ed è probabile che ci siano ospiti.
Sarà un lavoro autoprodotto?
Non lo escludo, vorrei fosse autoprodotto.
Che ne pensi dei fatti di Coppa Italia e delle polemiche scaturite per le infiltrazioni della Camorra nella tifoseria napoletana?
Se ci pensiamo ci sono sempre stati gli infiltrati quando accadono disordini di questo genere. Non mi meraviglio, quando purtroppo succede. Penso che questo caos sia stato voluto e organizzato. Lo sport deve rimanere un momento di gioia e di festa.
Il premier Renzi dice che bisogna fare le cose in fretta, ha ragione?

Ha ragione perché la gente è stufa di aspettare, la disperazione che c’è in giro è fortissima. Ci vogliono segnali nuovi, forti e sono fiducioso che ci possano essere delle risposte in merito.
E Grillo?
Ma lui critica sempre. Il suo ruolo è quello.

 

di Andrea Conti

Annunci

Pino Daniele: "In amore bisogna rinnovarsi"

Presenta il cd/dvd “Tutta N’Ata Storia – Vai mo’ – Live In Napoli” e l’evento del 12 luglio

 

Il dvd/cd “Tutta N’Ata Storia – Vai mo’ – Live In Napoli“, in uscita il 22 gennaio, racchiude l’amore di Pino Daniele per la sua città. E’ il concerto tenutosi nel 2008 in Piazza del Plebiscito con cui il cantautore ha festeggiato i 30 anni di carriera. “Tornerò in quella piazza il 12 luglio”, anticipa Pino a Tgcom24. Due i brani inediti nel cd/dvd tra cui “Non si torna indietro”. “In amore come nel lavoro bisogna sempre rinnovarsi”, dice.

Il cofanetto contiene tre importanti duetti con Giorgia (“Vento di passione), Irene Grandi (“Se mi vuoi”) e Avion Travel (“Terra mia”) e un backstage movie con le immagini inedite dello storico concerto visto dal “dietro le quinte”. Il primo singolo estratto è l’inedito “Non Si Torna Indietro”, già nelle radio.
Perché ogni volta cantare a Napoli per te è tutta n’ata storia?
Sono i luoghi in cui sono nato e cresciuto ed è anche un incontro verso persone che capiscono quello che stai cantando, quando parli in napoletano. Poi io cerco sempre di portare la musica napoletana moderna sul palco. In particolare nel concerto del 2008 con me c’erano amici come Tullio De Piscopo, James Senese, Tony Esposito, Joe Amoruso e Rino Zurzolo.

Una festa tra amici per Napoli che si rinnova il 12 luglio. Hai già qualche idea per quella serata?

Di sicuro ci saranno anche colleghi che amano la cultura napoletana. Nel 2008 ho invitato Giorgia che ormai conosco da molto tempo e con la quale non escludo di tornare a collaborare, gli Avion Travel e Irene Grandi. Sono contento di tornare in Piazza del Plebiscito per confermare l’amore tra me e Napoli che mi ha tributato sei sold out al Teatro Palapartenope tra fine dicembre 2012 e inizio gennaio 2013.

Nel cofanetto ci sono due inediti tra cui “Non si torna indietro”, ancora una volta una dichiarazione d’amore. Com’è nata?

Questa canzone è speciale e nasce dall’esigenza della continua ricerca delle emozioni e della voglia di sperimentare sempre cose nuove. Ciò vale sia nel lavoro che nella vita privata. E’ giusto condividere le cose belle della vita con le persone che ci circondano.

Questi inediti fanno da apripista ad un nuovo album?

Nell’immediato non uscirà nessun disco ma stiamo già pensando a qualche brano nuovo.

INFORMAZIONI CONCERTO 12 LUGLIO Chi ha acquistato una card o un biglietto per uno degli show di “Tutta N’Ata Storia – Live in Napoli” di dicembre o gennaio al Teatro Palapartenope, avrà la possibilità, fino al 19 febbraio, di acquistare il biglietto per l’evento del 12 luglio in Piazza del Plebiscito “Napule è – Tutta N’Ata Storia” al prezzo di 34,50 anziché 40,50 euro (inclusi diritti di prevendita). Per informazioni: www.fepgroup.it

di Andrea Conti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: